fbpx
Logo Sempre pronta x partire
La lavanda di Sale San Giovanni

La piccola Provenza piemontese: la lavanda di Sale San Giovanni

Questa volta ho deciso di lasciare la città e immergermi nei campi di lavanda. No, non sono in Provenza, ma a Sale San Giovanni, un piccolo paese delle Langhe in provincia di Cuneo.
Questo comune con poco più di 150 abitanti e stato ribattezzato “La Piccola Provenza” per le distese di lavanda che si possono ammirare lungo le sue colline.
Come si suol dire, il vino buono sta nella botte piccola!

In questo post voglio raccontarti il mio viaggio fra la lavanda e le altre piante officinali, il borgo di Sale San Giovanni, l’Arboreto Prandi e la fiera che si tiene a fine giugno “Non solo erbe”. (Purtroppo a causa del Covid-19, quest’anno la sagra è stata annullata).
Nell’articolo troverai anche una serie di spunti e consigli utili per organizzare al meglio la tua visita.
Quindi zaino in spalla e… si parte!

Indice

Campi di lavanda in Italia
Un campo di lavanda di Sale San Giovanni

Sale San Giovanni e le erbe officinali

Sale San Giovanni è un piccolo borgo arroccato tra le colline dell’Alta Langa, in provincia di Cuneo.
La sua struttura conserva ancora il fascino della sua storia e del suo antico splendore.

Oggi qui vi vivono poco più di 150 persone (171 per l’esattezza), ma l’esiguo numero di abitanti non gli ha impedito di farsi conoscere in Italia e nel resto del mondo.

Le sue colline infatti sono state trasformate in un vero e proprio distretto dove si coltivano lavanda e altre piante officinali, come la melissa, la camomilla e la salvia.
Fra queste vi è anche l’Enkir, uno dei più antichi cereali addomesticati dall’uomo.

Un tempo questa era una delle zone più povere delle Langhe, proprio a causa del suo terreno arido e secco, che impediva di fatto lo sviluppo delle tradizionali coltivazioni.

Gli abitanti di Sale San Giovanni però non si sono arresi!
Hanno cercato di trasformare questo limite in un vantaggio, utilizzando quel terreno brullo, che così poco si prestava ad alte coltivazioni, per piantare arbusti che non richiedessero grandi fonti d’acqua.
La fama di Sale San Giovanni è stata tale che, con il passare del tempo è diventato un vero e proprio punto di eccellenza nel settore officinale ed erboristico.

Il terreno arido di Sale San Giovanni

La lavanda di Sale San Giovanni

La lavanda di Sale San Giovanni potrei descriverla come immense distese di campi blu-violetto che si illuminano sotto ai tuoi occhi!
I campi sembrano tavolozze di colori realizzati da pittori Impressionisti che cambiano in base alle stagioni.
Una delle cose che mi ha colpita di più è il terreno: arido e talmente bruciato dal sole da avere delle crepe che lo attraversano.

La lavanda è disposta in lunghe file ordinate e spesso, al fondo del campo, si possono vedere numerose arnie colorate dove le api producono il loro miele.

Sebbene la lavanda sia la protagonista principale di Sale San Giovanni in realtà non è l’unica. Disseminati qua e là sono presenti campi di camomilla, melissa e altre erbe officinali.
Non è infatti raro vedere un campo di salvia e poi, girandosi dall’altra parte, trovare una coltivazione di lavanda.

Sparpagliati qua e là sono poi presenti campi che ospitano le nuove piantine verde-argento che nel corso dei prossimi anni produrranno nuovi fiori.

L’Italia è ricca di tantissimi borghi e questo libro raccoglie i più belli!

Distese di lavanda a Sale San Giovanni

Quando vedere la lavanda di Sale San Giovanni: fioritura lavanda

Il periodo di fioritura della lavanda va da giugno ad agosto, ma il massimo splendore può variare, di anno in anno.
Il motivo principale è legato proprio dalle condizioni meteorologiche che possono essere più o meno favorevoli.

Quest’anno il periodo di massima fioritura si avrà fra il 20 giugno e il 5 luglio. Dopo si procederà al taglio della lavanda.

La mappa con i percorsi da vedere

Dove trovare i campi di lavanda a Sale San Giovanni

Per tutti coloro che amano questo splendido fiore sono stati ideati quattro percorsi, di difficoltà differente, che possono essere fatti da chiunque (anche dai pigroni come me!).
Tutti i percorsi partono e arrivano alla chiesa di Pieve San Giovanni e sono chiaramente indicati mediante frecce e cartelli.

Questa volta io, mio marito e la mia bassottina abbiamo deciso di intraprendere il percorso più difficile, quello arancione. O meglio, io ho avuto la brillante idea e loro (rassegnati!) mi hanno seguita! Naturalmente me ne sono pentita poco dopo perché il cammino era veramente impegnativo!
Ma vediamo più in dettaglio ciascun percorso.

Hai già condiviso questo viaggio?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Percorso verde

Lungo circa 7,5 km, è il percorso Agripanoramico.
Ci vogliono circa 2 ore per fare tutto il giro, ma il livello di difficoltà è molto semplice. Tutto il cammino si dirama su una strada comunale asfaltata.
Seguendo il percorso verde avrai la possibilità di vedere i campi di lavanda e di erbe officinali più grandi e importanti.

Percorso azzurro

Qui si inizia a fare sul serio: 9,8 km di percorso che si sviluppa ad anello sia su strade sterrate che su strade asfaltate.
Per poterlo completare ci vogliono circa 3 ore ed è piuttosto impegnativo.
Rispetto al percorso verde, avrai la possibilità di vedere più campi di lavanda e diverse frazioni di Sale San Giovanni.

Percorso arancione

Percorso modello extreme! 8,8 km fra boschi e sentieri. La maggior parte del percorso si svolge lungo vie sterrate. Solo una piccola parte su strada asfaltata (noi naturalmente non volevamo farci mancare niente!)
Oltre ai campi di lavanda e di piante officinali, attraverso questo percorso è anche possibile raggiungere l’Arboreto Prandi, un luogo di particolare valenza scientifica e di cui parlerò nei prossimi capitoli.

Percorso marrone

Il percorso marrone è un po’ particolare perché a differenza degli altri non forma un anello e il suo obiettivo è quello di raggiungere l’Arboreto Prandi anziché i campi di lavanda. È lungo poco più di un chilometro e per raggiungere la Cascina ci vuole circa mezz’ora.

Fiori di lavanda in un campo
Fiori di lavanda in uno dei campi di Sale San Giovanni

Alcuni accorgimenti utili

Per poter vivere al meglio la tua visita, ho pensato di riportarti qui di seguito una serie di consigli che potrebbero tornarti utili e ho vissuto in base alla mia esperienza.

  1. Vestiti comodo! Obbligatorie scarpe da trekking e un abbigliamento comodo. Tre dei quattro percorsi per vedere la lavanda si sviluppano su strade non asfaltate. Occorre quindi muoversi il più comodamente possibile. Anche se i sentieri non sono di per sé lunghissimi (nessuno supera i 10 km) in realtà possono rivelarsi faticosi a causa del continuo saliscendi delle colline. Non dimenticarti un cappellino, occhiali da sole, crema solare ed eventualmente un paio di bastoncini da trekking.
  2. Porta con te una borraccia d’acqua fresca.
  3. Se hai con te un cane, fai attenzione alle api e agli altri insetti. Piccole apine volano costantemente sui fiori e vi capiterà di vedere spesso delle arnie. Con il mio cane devo fare attenzione perché lei cerca sempre di morderle!
  4. Non tagliare o prendere fiori! Limitati a osservarli, ma non toccarli perché quelle piante sono il frutto del duro lavoro di altre persone.
  5. Non cimentarti in percorsi troppo impegnativi. Ricordati che cammini su colline con pendenze più o meno alte e spesso sotto il sole. Quindi prima di scegliere un percorso cerca quello più adatto a te!
  6. Puoi parcheggiare l’auto vicino alla chiesa di Pieve San Giovanni e poi da lì proseguire a piedi lungo i campi. Tutti i percorsi partono e ritornano lì (ad eccezione di quello marrone di cui ti ho parlato in precedenza).
  7. Se puoi visita i campi di Sale San Giovanni durante la settimana e al mattino. Ci sarà meno gente e potrai gustarteli con maggiore tranquillità.
Sconto Airbnb cover lunga
Sconto Airbnb cover breve
L'Arboreto Prandi di Sale San Giovanni

L’arboreto Prandi

Raggiungibile seguendo il Percorso Arancione o Marrone, si arriva all’Arboreto Prandi.
La cascina si trova nella Località Schioda ed è stata realizzata da Carlo Prandi, per poter valorizzare la biodiversità tipica di queste zone.
È un vero luogo di pace completamente immerso nella natura.
Prandi creò un arboreto che era davvero unico per l’epoca! Impiantò esemplari di alberi mai visti prima, come l’Araucaria, il Cedro rosso del Giappone, il Peccio del Colorado, il Bambù, il Cedro dell’Atlante, la Palma nana, il Gelso della Cina, l’Acero campestre, la Sequoia gigante, il Faggio Pendulo, il Ginkgoo Biloba e il maestoso Faggio rosso diventato poi simbolo dell’arboreto.
Prandi fu in pratica un vero e proprio pioniere in questo settore!
Dopo la morte del suo fondatore, l’Arboreto venne lasciato incustodito per alcuni anni dagli eredi, ma due ragazzi di Sale San Giovanni, Pierluigi Piovano e Romano Vadda, decisero di prendersene cura e farlo tornare agli antichi splendori. Entrambi non riuscirono a vedere il frutto del loro lavoro perché se ne andarono prematuramente.
L’amministrazione comunale decise però di portare avanti quel progetto che loro tanto avevano amato.
Il 26 giugno 2010, l’arboreto riaprì finalmente le sue porte al pubblico!

Le Piante officinali di Sale San Giovanni
Alcune delle piante officinali di Sale San Giovanni

La fiera “Non solo erbe”

Ogni anno l’ultimo week-end di giugno a Sale San Giovanni si svolge la fiera “Non solo Erbe”, una sagra dedicata alla lavanda e alle piante officinali.
Durante questi giorni vengono organizzate visite guidate alle coltivazioni, per conoscere ancora più a fondo la lavorazione di queste splendide piante.
Sono poi presenti stand sparpagliati per il borgo che vendono piante officinali, mostre, concerti, e convegni.
Durante la fiera è inoltre possibile assaggiare prodotti realizzati a base di Enkir, uno dei più antichi cereali del mondo e coltivato ancora oggi qui con tecniche di agricoltura biologica.

Hai già condiviso questo viaggio?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
L'Enkir, l'antico cereale di Sale di San Giovanni

L’Enkir

Ma che cos’è esattamente l’Ekir di cui parlavo nel capitolo precedente?
Si tratta di un cereale povero di glutine, ma molto ricco di proteine. Inoltre, a differenza di altri suoi simili, è estremamente resistente a parassiti e altri patogeni.
Quindi è perfetto per essere coltivato seguendo i metodi biologici.
Ho visto i campi dove viene coltivato l’Ekir e mi ha colpito il fatto che rispetto agli altri cereali fosse molto più piccolino (ma non per questo meno pregiato, naturalmente!)

Vespa nel campo di lavanda
Vespa nel campo di lavanda

Campi di lavanda in Italia

Oltre a Sale San Giovanni, esistono in Italia altri Paesi molto famosi per la fioritura della lavanda.
Qui ho pensato di riportartene alcuni.

  • Casola Valsenio (Emilia-Romagna)
  • San Marcello (Marche)
  • San Giacomo delle Segnate (Lombardia)
  • Le colline pisane (Toscana)
  • Tuscania (Lazio)
  • Pollutri (Abruzzo)
La lavanda di Sale San Giovanni
Lavanda di Sale San Giovanni

Conclusioni

Girovagando per Sale San Giovanni ho avuto la percezione di ritrovarmi in un paese dove è presente un forte senso di solidarietà e comunità fra gli abitanti. Mentre osservavo quel terreno arido e brullo fra i filari di lavanda, ho pensato a tutto lo sforzo che chi vive in queste terre deve aver affrontato per riuscire a sopravvivere.
Sale San Giovanni è l’emblema del duro lavoro, della tenacia, del non lasciarsi abbattere e della volontà di trasformare una situazione di disagio in un’opportunità.
Ammiro tantissimo questo tipo di atteggiamento e mentalità perché sono i valori in cui credo molto anch’io!

Questo percorso da fare immersi nei campi di lavanda è perfetto per chi vuole godersi una giornata di pace e relax immerso nella natura.
Un modo per ammirare i campi di lavanda rimanendo in Italia!

Hai visitato i campi di lavanda di Sale San Giovanni o conosci altre zone del nostro Paese dove viene coltivata la lavanda?!
Lasciami un commento qui di seguito!

Elisa Mout

Elisa Mout

Sono Elisa, ho 33 anni e due grandi passioni: viaggiare e leggere libri!
Mi piace girare il mondo e scoprire cosa si cela dietro a ogni luogo: la sua storia, i suoi aneddoti e le sue leggende!

Scopri di più!

Informazioni utili

Nome completo: Sale San Giovanni
Quando: La lavanda è visibile da maggio a luglio
Prezzo: Ingresso gratuito
Dove: Sale San Giovanni (CN) - Italia
Sito web: www.comune.salesangiovanni.cn.it
Giorni necessari: 1 giorno

Dove soggiornare

Ca' Rocca

Verifica la disonibilità

Booking.com

Seguimi su Facebook

Condividi questo viaggio

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su skype
Skype
Condividi su print
Print

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se deciderete di effettuare una prenotazione o fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro a ogni articolo pubblicato. Grazie

Informazioni utili

Nome completo: Sale San Giovanni
Quando: La lavanda è visibile da maggio a luglio
Prezzo: Ingresso gratuito
Dove: Sale San Giovanni (CN) – Italia
Sito web: www.comune.salesangiovanni.cn.it
Giorni necessari: 1 giorno

Condividi questo viaggio

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Elisa Mout

Elisa Mout

Sono Elisa, ho 33 anni e due grandi passioni: viaggiare e leggere libri!
Mi piace girare il mondo e scoprire cosa si cela dietro a ogni luogo: la sua storia, i suoi aneddoti e le sue leggende!

Scopri di più!

Iscriviti alla newsletter!

Seguimi su Facebook

All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se deciderete di effettuare una prenotazione o fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro a ogni articolo pubblicato. Grazie

Condividi:

Mi piace:

Mi piace Caricamento...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: