fbpx

Virtual tour museo Ferragamo

In questo periodo di Covid, in cui è difficile muoversi, ho scoperto un nuovo modo di viaggiare: quello dei tour virtuali.
Dopo aver visto la Galleria Campari, dedicata a uno degli aperitivi più conosciuti di sempre, ed essere entrata, seppur virtualmente, in alcune delle esposizioni più famose al mondo, questa volta mi sono spostata verso un altro museo: quello di Salvatore Ferragamo.

Le sue scarpe sono da sempre icona di bellezza e di stile. Sono sono state indossate da alcuni dei personaggi più famosi e di spicco del mondo del cinema e dello spettacolo.

In questo post scopriremo il suo meraviglioso museo e il ricco archivio.
L’articolo è diviso in due distinte sezioni: nella prima entreremo dentro le mura dell’esposizione permanente; nella seconda invece vedremo l’archivio Ferragamo.

In fondo al post ho inoltre pensato di inserire alcune informazioni che potrebbero tornarti utili nell’organizzazione della tua prossima visita.
Troverai tutti i dettagli per partecipare al tour virtuale e per vedere il museo di persona, appena questa situazione si sarà sbloccata.
Quindi zaino in spalla e si parte!

Indice

Il Palazzo Spini Feroni dove ha la sede il museo Ferragamo a Firenze

Virtual tour museo Salvatore Ferragamo

Il museo Salvatore Ferragamo è nato nel 1995 con la volontà della stessa famiglia di far conoscere al pubblico le qualità artistiche del fondatore.
A partire dal 2006, il museo ha deciso di cambiare ogni anno il tema della mostra, in modo da essere sempre in linea e al passo con i tempi.

Il museo si trova a Firenze all’interno dell’edificio Spini Feroni, che sorge poco lontano da Ponte Vecchio. Fu realizzato nel 1289 da una ricca famiglia di banchieri fiorentini.
All’epoca era il più grande palazzo privato di Firenze.
All’interno delle sue mura vissero famiglie nobili e potenti e, per un certo periodo, vi risiedette anche Oscar Wilde.
Niente male come sede per un museo così prestigioso vero?!

Sustainable Thinking il tema della mostra al museo Salvatore Ferragamo

Sustainable Thinking

La mostra di quest’anno è intitolata “Sustainable Thinking”.
In un momento così delicato come quello in cui stiamo vivendo, un tema simile è più che mai attuale.
Ma che cos’è esattamente la “sostenibilità”?!
Beh, potrebbe essere definita come “la capacità dell’uomo di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri”.

La mostra ti porta quindi alla scoperta di tutti quei materiali che rispondono a questi requisiti e ti dimostrano come anche dall’utilizzo di elementi semplici e provenienti dal mondo della natura possono nascere vestiti e calzature bellissimi.

Un intricato groviglio di fili colorati collocati sul soffitto ti accoglie all’ingresso del museo.
Da qui si accede poi alla prima delle numerose stanze in cui sono presenti le scarpe che testimoniano l’amore per Ferragamo nel provare e utilizzare diverse tipologie di materiali.
Accanto a sandali e décolté, fanno mostra di sé anche i particolarissmi abiti: colorati e ricchi di dettagli.

All’interno del museo, ovunque sono presenti opere d’arte che richiamano l’argomento della sala in cui ti trovi. La mostra non cerca di valorizzare solo il marchio in sé, ma diventa una vera e propria esposizione d’arte a tutti gli effetti.

Il Museo Ferragamo e gli abiti da collezione
Alcuni abiti da collezione del museo Ferragamo

Scopri Firenze e la moda grazie a questo bellissimo tour organizzato da GetYourGuide!

La sala di consultazione virtual tour archivio ferragamo
La sala di consultazione vista dal virtual tour Ferragamo

L’archivio Ferragamo

La seconda parte della visita riguarda invece l’archivio Ferragamo.

È dedicato a Salvatore e sua figlia Fiamma e si trova nel cuore di Firenze.
Salvatore Ferragamo era un uomo estremamente illuminato, sotto moltissimi punti di vista. Fin dagli albori della sua carriera aveva mantenuto tutti gli articoli e le pubblicità che celebravano i suoi capolavori, creando di fatto un ricco archivio mentre era ancora in vita.
Dopo la sua morte, gli altri membri della famiglia portarono avanti questo progetto.

L’archivio Ferragamo è stato inaugurato nel 1995 ed è stato progettato come un’area moderna e funzionale.

La Biblioteca Ferragamo del virtual tour archivio Ferragamo
Un dettaglio della sala consultazione vista dal virtual tour Salvatore Ferragamo

La sala di consultazione dell’archivio Ferragamo

Entrando al suo interno si accede direttamente alla sala di consultazione, un enorme open space, molto simile alla sala studio di una biblioteca a cui possono accedere dipendenti ed esterni.
La biblioteca è composta da migliaia di volumi a cui si aggiungono anche riviste di moda storiche nazionali e internazionali.
All’interno di questo piccolo tempio del sapere si trovano anche alcune riproduzioni delle scarpe più famose.

Hai già condiviso questo viaggio?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
Tour virtuale dell'archivio Ferragamo
L'archivio Ferragamo con gli speciali scaffali

Dentro l’archivio Ferragamo: le scarpe più famose

Il vero tesoro pulsante si trova però più avanti seguendo uno stretto corridoio accompagnati dalle scarpe che indossò Marylin Monroe: il cuore dell’archivio.

Qui in speciali scaffali compattabili controllati da rigidi standard di temperatura e umidità sono custodite le scarpe, le borse, l’abbigliamento e la bigiotteria realizzati dalla maison.
Oggi al suo interno sono presenti più di 15.000 modelli, tutti catalogati e costantemente implementati.

Fra questi ci sono anche scarpe molto particolari, come ad esempio:

  • Le scarpe “Labirinto”, brevettate nel 1830, così chiamate per i disegni sulle loro stampe
  • Il sandalo Rainbow, composto da 11 pezzi singoli e poi assemblati fra loro. Una vera e propria icona di stile!
  • Scarpe con tacchi dalle strutture filiformi o con il tacco a gabbia, brevettato nel 1856
  • La scarpa Vara, un modello iconico pensato come scarpa elegante ma al tempo stesso comoda
  • Le scarpe indossate da Andy Warhol, nere, elegantissime, ma una macchia di vernice verde sulla punta! Una piccola goccia di colore era involontariamente caduta proprio mentre stava dipingendo, rendendo così quel paio assolutamente unico. Quando si dice il tocco dell’artista!
La scarpa labirinto
La scarpa labirinto
Il Sandalo Rainbow
Il Sandalo Rainbow
La scarpa di Andy Warhol
La scarpa Vara

Tutta la straordinaria vita di Salvatore Ferragamo racchiusa in questa autobiografia.

L’hai già letta?!

Dentro l’archivio Ferragamo: abiti, borse e gioielli

Oltre alle scarpe, l’archivio contiene numerose borse, fra le quali spicca anche uno dei modelli scelti da Lady Diana, caratterizzata da una chiusura molto particolare.

La collezione continua anche con gli abiti divisi fra maschili e femminili. Se ne possono contare oltre 4.000, la maggior parte dei quali ideati e realizzati dalla secondogenita di Ferragamo, Giovanna.

Nella collezione sono contenuti anche foulard e cravatte.

Scopri Firenze e la moda grazie a questo bellissimo tour organizzato da GetYourGuide!

Salvatore Ferragamo
Salvatore Ferragamo mentre osserva le scarpe su cui sta lavorando

I brevetti Ferragamo

Mentre guardavo il tour guidato, mi sono resa conto di quanti brevetti in realtà Ferragamo avesse depositato: strumenti utilizzati per la produzione, forme e modelli innovativi, tacchi filiformi e particolari.

Ho così scoperto che la Ferragamo è l’azienda nel settore della moda che ha depositato il maggior numero di brevetti. Lo stesso fondatore ne registrò oltre 300 mentre era in vita!

A questo punto è subentrata la mia deformazione professionale per gli studi in economia: ho riflettuto su quanto quest’uomo fosse geniale e illuminato.

Registrare un brevetto infatti è una procedura lunga, complessa e anche molto costosa.
Spesso le aziende non registrano le proprie invenzioni proprio per questi motivi: sono troppo costosi e l’iter burocratico è complesso e pieno di ostacoli.

Ferragamo invece non si era fermato: aveva studiato, sperimentato e infine registrato le sue creazioni.
Una mentalità davvero straordinaria!
Okay, okay, ora la smetto con le mie digressioni economiche e torniamo al museo!

L’archivio contiene anche una particolare chicca: i documenti personali di Salvatore, come il suo passaporto utilizzato da Genova verso New York, dove iniziò la sua avventura.
Sono inoltre depositate le foto di famiglia.

Salvatore Ferragamo foto storica con le scarpe in legno
Salvatore Ferragamo in una delle sue foto più iconiche, circondato dalle forme dei piedi delle persone più famose

Come partecipare al tour virtuale del museo Ferragamo

Per poter partecipare al tour virtuale del museo e dell’archivio Ferragamo è molto semplice.
Ti ho riportato i link qui di seguito per comodità.

La partecipazione a entrambi i tour è gratuita e può essere fatta in qualsiasi momento senza necessità di iscrizione.

Hai già condiviso questo viaggio?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
Forme del piede in legno nel museo Salvatore Ferragamo
Forme del piede in legno nel museo Salvatore Ferragamo

I musei aziendali: un modo per scoprire la storia dei brand che più amiamo.

Attraverso la visita del tour virtuale del museo Ferragamo ho avuto la possibilità di entrare all’interno di un altro importantissimo museo aziendale e scoprire alcuni tesori del nostro patrimonio.

Questa era quarta visita che facevo a un museo collegato a un’azienda: il primo era stato in Irlanda all’interno del museo della Guinness. Dalla birra ero poi passata al caffè con La Nuvola Lavazza. Grazie ai tour virtuali sono riuscita a visitare la Galleria Campari e adesso il Museo Salvatore Ferragamo.
Questi musei hanno tutti una cosa in comune: valorizzano la storia e i tesori che l’azienda è riuscita a creare.

Hai mai visitato qualche museo come questi durante i tuoi viaggi?

Elisa Mout

Elisa Mout

Sono Elisa, e ho due grandi passioni: viaggiare e leggere libri!
Mi piace girare il mondo e scoprire cosa si cela dietro a ogni luogo: la sua storia, i suoi aneddoti e le sue leggende!

Scopri di più!

Informazioni utili

Nome completo: Museo Salvatore Ferragamo
Quando: Visitabile tutto l'anno dal lunedì alla domenica dalle 11:00 alle 19:00
Prezzo: € 9,00
Dove: Palazzo Spini Feroni Piazza Santa Trinità 5/R, 50123 Firenze.
Come arrivare:

  • In bus: Il Museo Salvatore Ferragamo è raggiungibile con le principali linee urbane. Le fermate più vicine sono: Stazione di Santa Maria Novella, Via Tornabuoni, Piazza della Repubblica. Visita il sito di ATAF per calcolare il tuo percorso.
  • In tranvia: Il Museo Salvatore Ferragamo è raggiungibile tramite il sistema tranviario. Le fermate più vicine sono “Alamanni Stazione” (Linea T1), “Unità” (Linea T2). Visita il sito di GEST per calcolare il tuo percorso.
  • In treno: La stazione di Santa Maria Novella dista dal Museo Salvatore Ferragamo 6 minuti a piedi. Visita il sito Trenitalia.
  • In aereo: L’Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze si trova a circa 6 km dal Museo Salvatore Ferragamo. Dall’aeroporto è possibile raggiungere il museo con il servizio Tranvia. Fermata “Peretola aeroporto” - fermata “Unità”, capolinea della Linea T2. Il Museo dista 5 minuti a piedi. L’Aeroporto Galileo Galilei di Pisa dista circa 80 km dal Museo Salvatore Ferragamo. Dall’aeroporto, prendendo Pisa Mover (tempo di percorrenza 5 minuti) si raggiunge la stazione ferroviaria di Pisa Centrale dove prendere il treno direzione Firenze Santa Maria Novella. Dalla stazione sono circa 7 minuti a piedi.
    Sito web: www.ferragamo.com
    Giorni necessari: 1 giorno

  • Verifica la disponibilità

    Booking.com

    Iscriviti alla newsletter

    Seguimi su Facebook

    Condividi questo viaggio

    Condividi su facebook
    Facebook
    Condividi su whatsapp
    WhatsApp
    Condividi su twitter
    Twitter
    Condividi su telegram
    Telegram
    Condividi su email
    Email
    Condividi su skype
    Skype
    Condividi su print
    Print

    Lascia un commento!

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    All’interno di questo post sono presenti dei link di affiliazione. Questo significa che se deciderete di effettuare una prenotazione o fare un acquisto e utilizzerete questi link, i siti mi riconosceranno una percentuale. Per voi non ci sono costi aggiuntivi, ma così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro a ogni articolo pubblicato. Grazie